Offerte di lavoro: Villaggio turistico a Torre dell’Orso seleziona 24 figure

Quasi il 19 per cento di offerte di lavoro in più rispetto ad inizio anno. Dai primi giorni di gennaio ad oggi, gli annunci pubblicati in provincia di Lecce sono cresciuti di settimana in settimana fino a raggiungere percentuali di crescita a due cifre. Nel sesto report settimanale delle offerte di lavoro, redatto dall’U.O. Coordinamento servizi per l’impiego dell’Ambito di Lecce di Arpal Puglia, sono 158 le aziende che ricercano 427 figure professionali.

REPORT

La scorsa settimana, quest’ultime erano 413, con un balzo di +3,4%; mentre nel primo report del 3 gennaio erano 360, registrando oggi un +18,7% di posizioni aperte. Con l’avvicinarsi della prossima stagione estiva, il settore per cui si osserva una crescita costante è turismo e ristorazione con 36 offerte (12 nell’entroterra, 6 lungo la costa adriatica, 6 lungo la costa ionica e 12 nel Capo di Leuca) per la ricerca di 182 figure professionali (35 nell’entroterra, 48 lungo la costa adriatica, 32 lungo la ionica e 67 nel Capo) con una maggiore diversificazione di ruoli: oltre a pizzaioli, camerieri, cuochi e banconisti si ricercano figure particolari come gestori di B&B, receptionist, baby-sitter, mozzi di coperta. Il secondo settore con più offerte si conferma quello delle costruzioni che rimane più o meno stabile rispetto alla scorsa settimana con 100 posizioni disponibili per 36 aziende. Si inseriscono nel trend di crescita generale i settori amministrativo e informatico, con 18 figure ricercate, commercio con 25, riparazione veicoli e trasporti con 27. Cala l’offerta nel settore metalmeccanico, per il quale sono ricercati 20 addetti (nel quinto report erano 35), ma cresce il settore tessile con 20 posizioni aperte (nel quinto erano 14). Stabile il settore della sanità privata e assistenza alla persona, dove si selezionano 15 figure tra tecnici radiologi, operatori socio-sanitari, fisioterapisti, infermieri e badanti. Inoltre nel campo della bellezza e cura della persona si selezionano 5 figure, 5 nell’industria del legno, due nell’agricoltura, due nelle pulizie e una nell’artigianato. Ricompare dopo settimane di assenza anche il settore pedagogico e istruzione per la ricerca di due educatori. Resta solo un’offerta destinata esclusivamente a categorie protette ex art.18 L. 68/99 per saldatore o verniciatore. Infine alle offerte della provincia si sommano 12 annunci che giungono da altri Paesi europei (Malta, Francia, Spagna, Danimarca, Svezia, Norvegia) grazie alla rete Eures, agenzia dell’Unione Europea formata dai servizi pubblici per l’impiego e creata per facilitare la mobilità del lavoro tra gli Stati membri. Le offerte, parimenti rivolte ad entrambi i sessi, sono pubblicate quotidianamente sul portale lavoroperte.regione.puglia.it, raggiungibile anche cliccando sui codici offerta inseriti all’interno degli annunci contenuti nel report. Quest’ultimo, inoltre, è diffuso anche sulla pagina Facebook “Centri impiego Lecce e provincia“, sul portale Sintesi Lecce e sui profili Google di ogni centro per l’impiego. Le candidature possono essere trasmesse in tre modi: tramite Spid, direttamente dal sito “Lavoro per te“; inviando via mail ai Centri per l’Impiego il modulo scaricabile dagli annunci; direttamente nei Centri per l’Impiego durante gli orari di apertura al pubblico (dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 11.30, il martedì anche dalle 15 alle 16.30 e il giovedì pomeriggio su appuntamento, info e contatti a pag.47, www.arpal.regione.puglia.it).

Lasciaci un commento