Fu una compagnia americana a usare per prima il telefono mobile. Il video

Chi non ha uno smartphone in tasca alzi la mano. Oggi è impossibile non averno almeno uno. E se vi dicessi che negli anni ’40 una compagnia telefonica statunitense aveva messo a punto un telefono mobile? Il cellulare come lo conosciamo attualmente ha preso avvio a partire dagli anni ’90 certo ma cinquant’anni prima la Bell aveva messo a punto un sistema che permetteva ai suoi utenti di chiamarsi l’un l’altro sfruttando una rete di trasmissione e ricezione.

All’epoca, l’idea di chiamare qualcuno che non si trovasse a casa o in ufficio, figuriamoci un camionista sulla strada, sarebbe sembrata pura fantascienza. Ma gli ingegneri di Bell crearono un sistema che trasmetteva le conversazioni “in parte via radio, in parte tramite linee telefoniche”. Questo richiedeva “un certo numero di stazioni di trasmissione e ricezione connesse alle linee telefoniche”, installate “a intervalli lungo la strada in modo che sempre vi fosse una portata del veicolo in movimento”.

Nel video “Mobile Telephones”, il processo di effettuare una chiamata al conducente di un veicolo implicava la chiamata alla classica operatrice di centralino degli anni ’40 (come ne abbiamo viste tante nei vecchi film) e la richiesta di effettuare la connessione. Il sistema è quasi uguale a quello attuale. Manca solo la centralinista!

I telefoni cellulari sono diventati così integranti nella vita del ventunesimo secolo che pochi di noi sentono davvero la necessità di capire come funzionino. Tre quarti di secolo fa, invece, l’idea di effettuare o ricevere chiamate in movimento era abbastanza sconosciuta che gli spettatori erano curiosi di conoscere nel dettaglio ogni aspetto di una nuova tecnologia che si stava affacciando.

Lasciaci un commento