La salentina Giorgia Rollo nominata poliziotto ad honorem in occasione delle celebrazioni di San Michele Arcangelo

In occasione della celebrazione di San Michele Arcangelo patrono della Polizia di Stato sono stati nominati poliziotti ad honorem Giorgia Rollo e Fabrizio Torsi. I due  indosseranno la divisa per il loro impegno civile e l’aiuto verso il prossimo.

Li ha nominati il capo della polizia Lamberto Giannini nel giorno della festa del patrono protettore degli agenti. Giorgia Rollo, moglie dell’Assistente Capo della Polizia di Stato Gaetano Fuso ammalatosi di Sclerosi Laterale Amiotrofica nel 2014, che ha fondato l’associazione 2HE, attiva nel campo della ricerca la sua associazione tutela, cura e assiste i malati di SLA. Giorgia ha inoltre realizzato, esaudendo il desiderio del marito di vivere sempre il mare nonostante la malattia, un accesso attrezzato al mare, sulla spiaggia di San Foca di Melendugno, per persone affette da SLA o portatrici di altre disabilità neuromotorie, che possono trascorrere qualche ora sulla riva del mare insieme ai propri cari e in totale sicurezza dal punto di vista sanitario , dotato di un servizio di assistenza e salvataggio garantito da poliziotti del Gruppo Sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato.

Fabrizio Torsi, vittima di un incidente che lo ha costretto su una sedia a rotelle avvenuto pochi giorni prima di intraprendere il suo percorso nella Polizia di Stato, non ha mai mancato di dimostrazioni di solidarietà in favore delle persone in condizioni di disagio e le costanti battaglie per l’eliminazione delle barriere architettoniche.

È proprio grazie al loro impegno e alla loro dedizione sono risultati meritevoli di diventare ambasciatori degli ideali della Polizia di Stato, impegnandosi a promuoverne i principi inspirati alla cultura della legalità in numerose iniziative sul territorio insieme ai poliziotti.

La cerimonia si è svolta   all’interno della Basilica Papale di San Pietro alla presenza del Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, del Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Lamberto Giannini e di numerose autorità.

La cerimonia religiosa sugella lo stretto legame tra Gendarmeria Vaticana e Polizia di Stato che hanno in San Michele il santo patrono comune.

Lasciaci un commento