Se ti chiama Federconsumatori potrebbe essere un tentativo di raggiro

29 luglio 2015 – Attenzione alle truffe o ai tentavi di truffa. E’ vero il termine truffa potrebbe essere troppo grosso, magari potrebbe essere solo un tentativo di raggiro ma si tratta, comunque, di fregatura perpetrata ai nostri danni. Vi racconto i fatti che mi sono accaduti alcune ore fa. Squilla il telefono all’altro capo è una signorina dall’accento campano che si qualifica come Federconsumatori e si chiama Milena Russo. Noi abbiamo, come fornitore di luce e gas la compagnia Illumia, ma la signorina in questione lo sa già e mi informa che abbiamo diritto ad un rimborso perché stiamo pagando una bolletta esagerata (più del doppio il gas e quasi il doppio la corrente elettrica). In questi tempi di continue richieste di denaro da parte di chiunque ecco che chiama l’associazione che difende i consumatori e propone un rimborso. Troppo bello per essere vero. In questo modo si diviene molto collaborativi e soprattutto si dà fiducia alla persona che sta dall’altro capo del filo, anche se non la si conosce. In fondo cosa chiedono? L’invio dell’ultima bolletta (luce e gas) e della copia del documento di identità dell’intestatario dell’utenza ad un numero di fax. Il fax? Ancora il fax, siamo nell’era dei messaggi istantanei e la Federconsumatori utilizza il fax? Chiedo un indirizzo mail per l’invio dei documenti, ormai mi fido, è fatta, siamo in un Paese normale dove un’associazione chiama gratuitamente un utente, difendendolo. La mail è f.***********@li****.it. La cosa, come si suol dire, mi puzza, come la richiesta di invio delle ultime due bollette, o del suggerimento durante la telefonata di cambiare fornitore. Prendo tempo, prometto di inviare i documenti. Chiamo l’avv. Francesco Stella di Federconsumatori Melendugno chiedendo se l’associazione a cui appartiene stia effettuando queste telefonate. Mi spiazza rivelandomi che non sono l’unico, in provincia di Lecce, che stia ricevendo queste chiamate e che Federconsumatori non ha azioni contro Illumia. Chiamo anche la compagnia elettrica che mi conferma come la telefonata sia un tentativo di raggiro per farmi cambiare contratto di fornitura di corrente elettrica e gas e che le richieste di rimborso si possono fare solo tramite il sito ufficiale (www.illumia.it) compilando l’apposito modulo.

Francesco Cappello

Lasciaci un commento