Marte, sul Pianeta c’era acqua. Trovato gesso

    (9 dicembre 2011) ROMA – L’acqua è essenziale per la vita umana. Per questo motivo un nuovo rover chiamato Curiosity è già in viaggio verso Marte per confermare, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che sul pianeta rosso vi fosse acqua.

    I rover sono dei veicoli teleguidati che raccolgono informazioni per l’agenzia spaziale per la quale “lavorano”. I rover giunti su Marte si chiamano Opportunity e Spirit e sono atterrati sul pianeta nel gennaio 2004. Nel corso degli anni, aiutati da diversi veicoli spaziali in orbita, questi straordinari “robot” hanno restituito una prova convincente che Marte non è sempre stato così freddo e secco come lo è oggi.

    La prova più convincente della presenza di acqua sul pianeta è stata presentata questa settimana durante la conferenza dell’American Geophysical Union a San Francisco. Si tratta di una vena sottile di gesso che fuoriesce e sporge lungo una roccia antica lungo il bordo di un ampio cratere largo 154 km chiamato Endeavour.

    Il gesso, comunemente conosciuto come “gesso di Parigi” , in genere indica che l’acqua ha attraversato o che ha corso attraverso la roccia. Steve Squyres, ricercatore Nasa, è entusiasta e afferma che il rinvenimento del gesso è la migliore prova fatta finora.

    Mentre il rover Spirit non è più operativo, Opportunity ha già trovato altre prove sulla presenza di acqua e depositi di minerali che ne testimoniano la presenza, anche se, con le prove sulla esistenza di questo essenziale liquido sul “pianeta rosso” molte domande si sono aperte.

    «I minerali sono stati spostati dal vento. Si sono  miscelati con altri materiali. È  un grande e affascinante mescolato pasticcio», ha dichiarato Squyres.

    Il rover Opportunity prevede di analizzare altre vene sospettate di contenere gesso intorno al cratere prima di passare il testimone alla prossima sonda che è in arrivo sul pianeta rosso. Il rover Curiosity andrà alla ricerca di argilla, altro indizio che indica la presenza di acqua in un altro cratere chiamato Gale. Acqua o altri “ingredienti” organici, necessari per la vita umana.

    Francesco Cappello


    'Marte, sul Pianeta c’era acqua. Trovato gesso' nessun commento

    Commenta per primo!

    Rispondi

    Melendugno.net 2003-2019 - Tutti i diritti sono riservati; Editore: Zoraide Editore – partita Iva 04559060753; Melendugno.net fa parte del network Ilportaledelsalento.net; Iscritto al n. 25 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 5 dicembre 2013; Direttore Responsabile: Francesco Cappello Redazione: Via Foscolo, 12 – Borgagne di Melendugno (LE) info@melendugno.net

    Web agency

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

    Questo sito utilizza cookie (tecnici e analitici) per le proprie funzionalità e per poter offrire una migliore esperienza di navigazione agli utenti. Inoltre questo sito contiene componenti di terze parti che utilizzano cookie di profilazione a scopi pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Per maggiori informazioni si può consultare la nostra informativa estesa cliccando su INFORMATIVA PRIVACY. Per abilitare/disabilitare le varie tipologie di cookie del nostro sito, clicca su "Cookie Policy"; per avere immediatamente accesso al sito accettando quindi i cookie, clicca su "Ok ho capito e accetto". Proseguendo la navigazione sul sito o chiudendo questo banner, acconsenti a tutti gli effetti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi