vivi e lascia morire

Vivi e lascia morire, primo 007 con Roger Moore

“Vivi e lascia morire” è il nono film di James Bond, e non è esattamente il migliore se non che il nuovo personaggio si chiama Roger Moore. Come ogni buon James che si rispetti ha tutte le ragazze necessarie, gli espedienti, le sale di controllo sotterranee, gli scagnozzi in uniforme e gli orologi da polso magici, ma non ha l’arguzia e lo stile dei migliori film di Bond.

Questo può avere qualcosa a che fare con la sostituzione di Roger Moore con Sean Connery come 007. Moore ha gli attributi superficiali per il lavoro: L’urbanità, il sopracciglio alzato, la calma sotto il fuoco e a letto. Ma Connery è sempre stato capace di investire il ruolo con un certo umorismo, un senso del ridicolo. A Moore sono stati forniti un sacco di doppi sensi e doppie riprese, ma lui non sembra capire la battuta.
La trama inizia nel solito modo, con la scomparsa di quelli che vengono inevitabilmente descritti come “tre dei nostri migliori uomini”. Uno è morto a New York, uno a New Orleans (durante un funerale che si è rivelato, ahimè, essere il suo) e uno nei Caraibi. Inutile dire che una serie di coincidenze collegano gli omicidi e sembrano portare a Mr. Big è interpretato, credo, da Yaphet Kotto. Devo tirare a indovinare perché o non stavo ascoltando o non è mai stato spiegato bene se Kotto stava coprendo Big o era davvero Big da sempre e faceva solo finta di coprirlo. Non che abbia importanza; il film non ha un cattivo degno di nota come lo è stato Goldfinger o il Dr. No.

Ingredienti, cattivi, e Roger Moore

I cattivi, infatti, sono un po’ banali. In passato, Bond ha conquistato scienziati malvagi intenzionati a schiavizzare il mondo. Ha smantellato un piano per distruggere i nostri satelliti spaziali con raggi laser. Ha, vediamo, salvato il dollaro proteggendo la nostra riserva d’oro. Questa è roba grossa. Ma questa volta, tutto quello che i cattivi stanno facendo è coltivare un miliardo di dollari di eroina per rilevare l’industria illegale della droga dalla mafia.
Ci sono alcuni elementi che ogni film di Bond deve assolutamente avere, e “Vivi e lascia morire” (in inglese Live and Let Die) li ha. Si apre, naturalmente, con un incontro con M e la fedele Miss Moneypenny. Bond arriva al nascondiglio caraibico con un aquilone. Ha un inseguimento spettacolare (questo coinvolge i motoscafi, ma non è così divertente come il grande inseguimento sugli sci di due Bond fa). C’è un cattivo che viene distrutto in modo spettacolare ingoiando una capsula di aria compressa che lo fa esplodere. Niente paura le ragazze di sono. E infine il Bond di Mooore esibisce la sua padronanza delle cose migliori della vita chiedendo al servizio in camera una bottiglia di Bollinger – non fredda, ma “leggermente ghiacciata”, per favore.
E, per dargli credito, ha l’unica scena fondamentale di Bond che sembra sempre copiata dal precedente film di Bond: La penetrazione nella cittadella sotterranea. Questa scena inizia sempre con Bond che preme una leva proibita o scopre la porta segreta. Poi c’è un’inquadratura di una vasta caverna sotterranea, che è piena di funzionari in uniforme che si affrettano a svolgere misteriose commissioni scientifiche.

Bond scivola inosservato da un nascondiglio all’altro; viene scoperto; sfugge ai suoi inseguitori; guarda sei scagnozzi che passano in fretta; poi attraversa un’altra porta e trova inaspettatamente il cattivo che lo aspetta. Il dialogo qui è sempre lo stesso, qualcosa come “Entri, signor Bond, la stavamo aspettando. . .” E poi… ma avete anche voi l’impressione che dopo nove di questi film non ne abbiamo abbastanza?

Se volete farvi del male potete acquistare Vivi e lascia morire su Youtube al costo di 9,99€ e per accorciarvi il tempo questo è il link giusto

Rispondi