Thunder Force

Thunder Force un film su Netflix da evitare

“Thunder Force” è ambientato nella Chicago dei giorni nostri, dove i cittadini lottano con le conseguenze di un’esplosione di raggi cosmici del 1983, che ha trasformato sociopatici e criminali in cattivoni letali con poteri da supereroi. L’ho visto su Netflix in piena zona rossa, in Italia.

Contiene spoiler (se non lo avete visto)

Sono chiamati “miscredenti” dalla popolazione codarda e indifesa. Da allora, i miscredenti  hanno seminato il caos e i normali esseri umani sono impotenti a fermarli. Lydia (Melissa McCarthy) ed Emily (Octavia Spencer), migliori amiche alle elementari e poi estranee per molti anni, si uniscono per combattere i Miscredenti, usando una formula di zuppa genetica sviluppata da Emily in un processo lungo anni, che può essere iniettata in persone “normali”, dando loro anche poteri da supereroi. Scritto e diretto da Ben Falcone, “Thunder Force” è anch’esso una specie di zuppa genetica, un miscuglio di generi diversi: commedie e drammi in coppia, film di supereroi con poteri femminili. Con due mattatori come McCarthy e Spencer al timone, è una sorpresa che gran parte del film sia inerte, banale e convenzionale.

Quando Lydia ed Emily tornano l’una nella vita dell’altra dopo l’infanzia, Emily è salita al vertice del suo campo come genetista e amministratore delegato della sua azienda. Lydia lavora su un muletto. Quando Emily non si presenta alla rimpatriata del liceo, Lydia è devastata, e va negli scintillanti uffici aziendali di Emily, determinata a trascinare la sua amica alla festa. E la loro infanzia si ripete: Emily era una studiosa diligente, Lydia era una brufolosa. Funzionava nell’infanzia, ma non così tanto da adulte. A Lydia viene detto di non toccare nulla negli uffici, ma Lydia lo fa, iniettandosi accidentalmente metà della formula genetica dei supereroi, quella che rende qualcuno super, super forte. Lydia non ha firmato per questo, e nemmeno Emily. Emily è infuriata, ma non c’è niente che possa fare. Prende l’altra metà della formula genetica, quella che renderà qualcuno invisibile.

Poi arriva l’addestramento e entrambe prendono confidenza con i loro nuovi poteri. Nel frattempo, come ogni periodo pre-elettorale la corsa per le elezioni a sindaco scalda l’atmosfera a Chicago. Uno dei candidati è soprannominato “The King” (Bobby Cannavale), ed è un teppista apertamente malvagio, che si pavoneggia in abiti che lo fanno sembrare uscito da una storia di Damon Runyon. Il Re è in combutta con i miscredenti, uno in particolare, chiamato Laser (Pom Klementieff), che lui colpisce i suoi nemici percepiti. Lydia ed Emily si chiamano “Thunder Force” e fanno un paio di giri di prova, prima di mettere gli occhi su The King. Lydia viene messa in disparte da un flirt con un mezzo viscido di nome Crab Man (Jason Bateman), che non ha superpoteri visibili, a meno che non si chiamino superpoteri le goffe braccia a tenaglia di granchio.

Tutto questo è molto standard e niente di tutto ciò è particolarmente interessante. Guardare McCarthy e Spencer generati in CGI che si lanciano e volteggiano nell’aria attaccando i loro nemici non è proprio il massimo del divertimento. Anche se guardarle sviluppare una relazione, mentre si divertono. Sono fantastici insieme.

I momenti migliori di “Thunder Force” sono generati dall’attore. C’è una lunga sequenza in cui la McCarthy fa un’imitazione di Jodie Foster in “Nell” e nessuno nella stanza l’ha vista e tutti pensano che sia impazzita. C’è un pezzo divertente in cui Spencer cerca di dire “Thunder Force” e farlo sembrare cattivo, con l’aiuto di Lydia. L’umorismo secco di Bateman è presente in ogni momento, e il suo dono è nel giocare sulle cose, specialmente nei momenti più sciocchi quando cerca di prendere il suo bicchiere di Martini con le pinze da granchio. C’è un pezzo ricorrente in cui McCarthy e Spencer, racchiuse in un’armatura da supereroi, cercano di tirarsi fuori da una piccola Lamborghini viola. L’intero film si ferma per guardarli mentre si liberano faticosamente dall’automobile.  Ma “Thunder Force” ha bisogno di più di questo.

Taylor Mosby è molto brava nel ruolo di Tracy, la figlia cervellotica di Emily, laureata a Stanford a 15 anni, e ora responsabile delle operazioni di laboratorio della madre. Lydia irrompe nella vita di Tracy e assume il ruolo di una zia rilassata. Ci sono anche alcune belle scene madre-figlia, dove Emily si chiede se è stata troppo dura con sua figlia. Entrambe sono state derise per essere “nerd”, e il mantra della famiglia è: “Non sono una nerd. Sono intelligente. C’è una differenza”.

Il film prende vita ogni volta che agli attori viene dato spazio per scherzare. Solo che non è abbastanza per tenere insieme il tutto e fare una pellicola di successo.

Rispondi