Neve 2019: pallido sole, ghiaccio sui marciapiedi, Martano sospende raccolta spazzatura

Un pallido sole ha accolto il risveglio dei salentini dopo 24 ore di neve. Non si è verificata l’eccezionale nevicata di due anni fa (gennaio 2017) ma un evento che dovrebbe essere eccezionale sta diventando quasi abitudinario. Encomiabili gli sforzi di tutte le amministrazioni per rendere le strade percorribili, tutti si sono mossi con mezzi spargisale e motopale per riuscire a rendere le strade sicure, più o meno, ma contro l’eccezionalità dell’evento, il freddo e la conseguenza formazione di ghiaccio è difficile infine combattere in quanto il Salento amministrativo non è preparato al verificarsi di tali eventi. Fortunatamente la popolazione sì, è preparata, pur tra i disagi, accetta la neve e si reca diligentemente al lavoro, anche se poi, magari, rischia di rimanere bloccata sulla tangenziale di Lecce o lungo qualche provinciale. I salentini, grandi e piccoli, non si fanno scoraggiare e si buttano sotto i fiocchi di neve giocando come bambini e non curandosi del freddo eccezionale. Ieri, 4 gennaio, molti abitanti di Melendugno hanno lasciato l’auto vicino casa e sono usciti a piedi scoprendo un paese innevato, oppure non sono usciti proprio preferendo “abbracciare” un termosifone come abbiamo scritto noi sui nostri profili sociali. Un plauso particolare alla municipale e alla protezione civile di Melendugno che sin dalle prime ore del mattino era al lavoro per rendere la viabilità sicura, anche se in alcuni casi non riuscendoci, ma apprezziamo lo sforzo.

Ora la raccomandazione è sempre la stessa: uscite di casa se proprio è necessario dato che i marciapiedi sono pieni di neve che ormai si è trasformata in ghiaccio tanto che l’amministrazione di Martano ha dovuto sospendere la raccolta della spazzatura per ghiaccio e la salute degli operatori non può essere messa a repentaglio.

Francesco Cappello

Rispondi