“Le Corti a Mezzanotte” al via la quarta edizione. A Galatina

21 agosto 2013 – Si ripete la festa del centro antico di Galatina con “Le Corti a Mezzanotte”, quest’anno è la quarta edizione. La kermesse è organizzata dall’agenzia Mood in collaborazione con IAT e l’assessorato al turismo della Città di Galatina. “Le corti a Mezzanotte” riparte con la quarta edizione venerdì 23 agosto 2012 dalle ore 20:00, dopo il successo delle precedenti edizioni, in cui la città barocca di Galatina si trasforma in un vero e proprio circuito di accoglienza, per le strade del centro antico, realizzando in un’unica serata oltre 30mila presenze.StampaL’evento, espressione dell’arte e della cultura della terra salentina, anima la serata con canti, eventi culturali, estemporanee, enogastronomia tipica che consentono al visitatore di conoscere e rivivere le sensazioni di un tempo grazie all’inconfondibile scenario di vicoli e corti di uno dei centri antichi più belli del Salento presentato in tutto il suo splendore, con visite guidate che partono dagli uffici di promozione turistica “IAT” dalle ore 18:00 fino alle 20:00.

La peculiarità dell’evento è data dall’intrattenimento di diversi artisti che presentano repertori che spaziano dalla musica popolare fino al jazz tra cui troviamo: SCIAMABALLA’ un gruppo di 8 elementi che presenta la musica popolare salentina accompagnati dalla rappresentazione di tarantismo di Simona Indraccolo (Galatina è luogo elettivo e di ricerca del fenomeno del tarantismo); ARD TRIO LIVE un mix tra musica balcanica e blues; Il Sax di Emanuele Coluccia accompagnato da Daniele Ravaioli in FAMILY REUNION; IL ROCK di Paolo Zappi degli ALCHIMIA.
Tante estemporanee tra pietra leccese, carta pesta e terracotta, speciali degustazioni di vini accompagnati da tutti i sapori tipici della nostra terra insieme alle prelibatezze dolciarie. Come sempre il Salento è scenario di festa che si coniuga alla tradizione di una terra che ogni anno rinnova usi e costumi, un connubio vincente che rende sempre più incantevole il territorio Salentino.

Maria De Giovanni

Lasciaci un commento