L’aria a Melendugno è buona, ma ancora per poco. Al ribasso i valori di riferimento

6 dicembre 2013 – Martedì scorso, 3 dicembre, si è svolto presso il Nuovo Cinema Paradiso, a Melendugno, il terzo appuntamento, organizzato dalla Parrocchia dal tema “Il nostro ambiente”. Argomento della serata la qualità dell’aria. qualita aria melendugnoRelatori Silvana Di Sabatino, ricercatrice dell’Università del Salento, che ha fornito ai presenti le nozioni basilari necessarie per decifrare i dati da lei raccolti per quello che ha definito un vero e proprio ‘Seminario sull’aria di Melendugno’. Risultato definitivo è stato che a causa, soprattutto, della mancanza di dati di riferimento la qualità dell’aria è buona e sono al di sotto della soglia indicata dalla vigente normativa. Ma questa buona qualità dell’aria cesserà quando l’Unione europea rivedrà, al ribasso, i valori di riferimento e molti dei dati visti, delle realtà presentate saranno dall’oggi al domani sulla soglia di un’aria abbastanza inquinata. Il secondo relatore è stato il comandante Antonio Nahi che si è scagliato contro la maledetta pratica di bruciare le foglie nelle campagne, pratica che rende l’aria irrespirabile, soprattutto di notte, e la professoressa Di Sabatino ha spiegato il perché, la notte, i fumi imprigionano in delle cappe i nostri piccoli centri. Il convegno è stato videoripreso dalla nostra redazione ed è a disposizione di coloro che vogliono farsi un’idea sulla nostra aria e cosa comporta bruciare imperterriti le foglie nelle campagne.

La Redazione

Lasciaci un commento