melendugno

La Regione finanzia 33 comuni tra cui Melendugno con 1,4 mln di euro

Il presidente della Commissione regionale bilancio e programmazione Fabiano Amati comunica che è stato previsto lo stanziamento di almeno 40 milioni di euro per finanziare 33 progetti esecutivi di infrastrutturazione turistica di altrettanti comuni tra cui Melendugno che riceverebbe quasi un milione e mezzo di euro (1.399.996 euro per l’esattezza). Questi ulteriori 40 milioni di euro si aggiungono ai 7 già finanziati.

«È un impegno encomiabile degli assessori Piemontese e Bray, a valere sull’art. 4 della Legge di bilancio regionale per il 2021, contenente norme per il finanziamento di opere pubbliche demaniali e patrimoniali» dichiara il presidente amati tramite le pagine del suo sito, che continua – Investire risorse su progetti esecutivi e per programmi a rendimento duraturo mi pare un metodo che andrebbe seguito sempre. In questo senso spicca l’intento della Giunta regionale, comunicato dagli assessori Raffaele Piemontese e Massimo Bray, di voler far scorrere la graduatoria degli interventi previsti con il bando sulla fruizione di aree e infrastrutture destinate al miglioramento della qualità dei servizi di accoglienza nel settore turistico».

I comuni precedente finanziati erano Alberobello (3 milioni di euro), Ginosa (1.420.000 euro), Polignano (1.220.000 euro) e Galatone (1.258.000 euro) e a causa della progressiva restrizione del finanziamento originario aveva determinato il mancato finanziamento di numerosi programmi ammissibili.

Con l’indirizzo assunto si procederà dunque allo scorrimento ulteriore della graduatoria per almeno 40 milioni, che saranno dunque in grado di finanziare 33 programmi per altrettanti comuni.

È chiaro che l’ulteriore ampliamento del finanziamento disponibile, ovviamente auspicabile, comporterebbe la possibilità di finanziare molti altri comuni.

Su 40 milioni disponibili, i programmi finanziati dunque saranno i seguenti:

Cisternino (1.300.000 euro);

Castellana Grotte (1.400.000 euro);

Monte Sant’Angelo (3.000.000 euro);

Muro Leccese (1.400.000 euro);

Alessano (1.400.000 euro);

Fasano (1.400.00 euro);

Racale (500.000 euro);

Accadia (500.000 euro);

Alliste (721.400 euro);

Tricase (1.400.400 euro);

Latiano (936.500 euro);

Massafra (659.674,15 euro);

Ruvo di Puglia (1.400.000 euro);

Ostuni (1.500.000 euro);

Gravina di Puglia (1.484.590,67 euro);

Carovigno (1.400.000 euro);

Molfetta (1.500.000 euro);

Ruffano (1.391.900 euro);

Bitonto (1.265.000 euro);

Cavallino (1.130.000 euro);

Torricella (950.000 euro);

Castrignano dei Greci (1.400.000 euro);

Bisceglie (1.400.000 euro);

Pietramontecorvino (1.192.954,45 euro);

Carosino (1.400.000 euro);

Maglie (1.400.000 euro);

Matino (1.400.000 euro);

Lecce (1.500.000 euro);

Casarano (1.400.000 euro);

Otranto (680.000 euro);

Alberona (788.900 euro);

Melendugno (1.399.996 euro);

Terlizzi (1351.310,21 euro)”.

Rispondi