Il Lecce ed il dolce sogno chiamato serie A

Al suo primo anno di serie B, dopo alcuni anni passati nel Purgatorio della serie C, il Lecce sta sorprendendo tutti per il gioco espresso, per la solidità difensiva e la capacità di imporre il proprio calcio contro ogni avversario. I Salentini, sotto l’attenta guida di mister Liverani, ad oggi sono una delle rivelazioni assolute del campionato e sembrano essere tra le squadre più accreditate per la promozione in massima serie, traguardo che il Lecce non riesce a raggiungere dalla stagione 2011-2012.

Il sorprendente inizio di campionato

I giallorossi sono una delle più piacevoli sorprese di questo inizio di campionato. La squadra allenata da Fabio Liverani, allenatore che si sta dimostrando uno dei prospetti più interessanti di tutto il panorama calcistico italiano, è riuscita a trovare una continuità di risultati che alla vigilia del campionato era sicuramente inimmaginabile. L’obiettivo stagionale del Lecce, da neopromossa, era ovviamente la conquista di una salvezza tranquilla ma, dati i risultati e la situazione di classifica, nessun obiettivo pare irraggiungibile. Anche in questa stagione il campionato di serie B si sta mostrando in tutta la sua imprevedibilità ed il suo equilibrio. Mentre, infatti, in serie A la situazione sembra essere già ben delineata e la Juventus continua a dominare il campionato e, dando un’occhiata alle scommesse Champions League Betfair sembra essere una delle favorita anche per il trionfo europeo, in serie B nessuna squadra ad oggi è sembrata in grado di ammazzare il campionato. Le favorite della vigilia balbettano e ne stanno approfittando alcune outsider come Pescara, Lecce e Salernitana che sono a pieno titolo e con pieno merito in zona play off.

Le favorite alla promozione in serie A

Le squadre che alla vigilia sembravano avere tutte le carte in regola per tentare l’assalto diretto alla serie A erano sicuramente le neo-retrocesse Verona, Benevento e Crotone. I veneti ed i sanniti, nonostante abbiano in organico giocatori di primo livello che rappresentano un lusso per la categoria, ancora non sono riuscite a fare la differenza e continuano a galleggiare in zona play off senza tuttavia riuscire ad inanellare quella serie di vittorie consecutive che permetterebbe loro di agganciare i primi posti della classifica. Il Crotone, addirittura, dopo venti giornate si trova incredibilmente invischiato nella lotta per non retrocedere e, ad oggi, ricopre l’ultima posizione in classifica. I ragazzi allenati da Stroppa prima, da Oddo poi, ed ora nuovamente da Stroppa sembrano non essersi calati nel nuovo contesto e continuano a collezionare risultati negativi. Ci sono poi delle squadre come la Salernitana, il Pescara ed il Lecce che si trovano a combattere, da outsider ma con merito, per la promozione in serie A. Ciò che ha maggiormente colpito delle tre squadre appena citate è la comunione di intenti di tutti i giocatori in rosa, la loro capacità di lottare su ogni pallone e di affrontare ogni incontro, tranne rare eccezioni, come se fosse la partita della vita. In questo campionato, dominato dall’equilibrio, a fare la differenza sembrano essere proprio le motivazioni e non è un caso che alcune squadre che sulla carta avrebbero dovuto ammazzare il campionato stanno incontrando diverse difficoltà.

La stagione è ancora lunga ma, dati i presupposti, i tifosi salentini sognano un incredibile ritorno in serie A che, ad oggi, sembra rappresentare un sogno tutt’altro che irrealizzabile. Mister Liverani dovrà essere bravo a tenere sul pezzo i propri ragazzi, nella speranza di regalare un ricordo indimenticabile a tutti i tifosi leccesi.

Rispondi