solstizio d'inverno

Dall’uomo primitivo agli antichi Inca celebrazioni del solstizio d’inverno

Per la maggior parte delle persone, il solstizio d’inverno è quell’evento astronomico che ci dice che siamo entrati nella stagione invernale e le cui ore notturne durano di più. Dopo questo giorno, noto anche come Solstizio Hibernal, le giornate torneranno ad allungarsi. Ecco perché tradizionalmente il solstizio d’inverno è un giorno mistico che molte culture vedevano come un momento di rinascita.
Nell’emisfero settentrionale, il solstizio d’inverno avviene quando il percorso del sole è più a sud nel cielo, e questo accade il 21 o 22 dicembre di ogni anno. Nell’emisfero meridionale, il solstizio avviene quando il sole è il più a nord nel cielo, il 20 o 21 giugno circa. In Italia il solstizio d’inverno accade oggi, 21 dicembre, alle 16.58.

Il solstizio d’inverno nella storia

Neolitico

Le prove archeologiche rafforzano l’idea che il solstizio d’inverno fosse importante per i popoli dell’età della pietra. Nei siti del neolitico e dell’età del bronzo come Newgrange in Irlanda e Stonehenge in Inghilterra, l’importanza del solstizio d’inverno è evidente. Gli assi di entrambe queste costruzioni umane sono accuratamente allineati secondo una linea di vista che punta dall’alba del solstizio d’inverno a Newgrange e dal tramonto del solstizio d’inverno a Stonehenge. I primi uomini dovevano tenere traccia delle stagioni per sapere quando era il momento ottimale per cacciare , e quanto cibo dovevano conservare per superare i freddi e aridi mesi dell’inverno.

La fame era un fenomeno molto comune durante i primi mesi dell’inverno. I mesi di carestia più comuni nell’emisfero nord andavano da gennaio ad aprile, e nell’emisfero sud da luglio a ottobre. Nelle zone dove il clima era più temperato, la Festa di Metà Inverno sarebbe stata l’ultima grande festa prima dell’inizio dell’inverno. Questo era il periodo in cui si macellava il bestiame, in modo da non doverlo nutrire durante i mesi freddi dell’inverno, quindi era uno dei pochi periodi dell’anno in cui la carne era in abbondanza.

Con la disponibilità di carne e bevande e la diffusa convinzione che il solstizio rappresentasse il ciclo della vita e della morte, è facile capire perché così tante culture celebravano un qualche tipo di festa di metà inverno in questo giorno.

Gli antichi Romani

Il solstizio d’inverno era un momento importante anche per gli antichi romani, che avevano diverse celebrazioni in questo periodo dell’anno. Una delle celebrazioni più famose erano i Saturnalia, festa per onorare il dio dell’agricoltura, Saturno. Era un periodo in cui i contadini sembravano avere il controllo della città, in cui le scuole e le imprese erano chiuse, e in cui il bere in pubblico era non solo tollerato ma anche incoraggiato. Era un periodo edonistico. Un’altra festa comune intorno al periodo del solstizio d’inverno erano i Juvenalia.

Dato che tutte queste festività ruotavano intorno al periodo di tempo tra il 20 e il 25 dicembre del calendario gregoriano, si crede che sia stata la ragione per cui la Chiesa Cattolica Romana decise di fare del 25 dicembre il giorno in cui si celebra il Natale. Questo include l’accensione di candele e il fare regali per Natale. Nel corso del tempo, le celebrazioni di Natale usurparono altre tradizioni da altre feste pagane, tra cui i tronchi di Yule dagli antichi norvegesi della Scandinavia, e più tardi, il posizionamento e la decorazione di un albero di Natale – qualcosa che è stato preso in prestito dalle tradizioni tedesche del XVI secolo.

Gli Inca

Durante una celebrazione del solstizio d’inverno conosciuta come Inti Raymi – una parola quechua che significa festa del sole – l’impero Inca rendeva omaggio al dio sole. Per tre giorni prima del solstizio d’inverno, la gente digiunava. Poco prima dell’alba del giorno del solstizio, andavano in una piazza cerimoniale e aspettavano il sorgere del sole. Quando il sole faceva la sua tanto attesa apparizione, si inginocchiavano davanti ad esso e gli offrivano tazze di chicha da tazze d’oro.

L’evento veniva poi completato dagli Inca usando degli specchi per accendere un fuoco con i raggi del sole. La festa di Inti Raymi fu vietata dagli spagnoli quando questi ultimi conquistarono l’impero Inca nel XVI secolo.

Lasciaci un commento