mamma con bimbo

Dal 1° giugno il doppio cognome per i nuovi nati. E nel resto del mondo come funziona?

La sentenza n. 131 del 27 aprile 2022 della corte costituzionale ha dichiarato  che si può attribuire ai figli il doppio cognome, nell’ordine stabilito dai genitori che, dal primo giugno 2022 , di comune accordo, potranno imporre non solo il cognome paterno ma anche quello materno o almeno uno dei due. Secondo la Corte Costituzione  questo retaggio patriarcale era lesivo e discriminava l’identità del figlio. Chi posso denunciare  per farmi riconoscere questa lesività e discriminazione?

E  proprio stamane è nato a Lecce, al Fazzi, il primo salentino a cui è stato applicato il doppio cognome, quello della madre e poi quello del padre.

Ma quali sono le nazioni del mondo dove vige la regola del doppio cognome?  La risposta è presto detta: Spagna, Portogallo e quasi tutti i paesi che furono un tempo colonie di queste due nazioni. Ma non solo.

In Spagna per esempio la regola del doppio cognome è stata introdotta nel primo Codice Civile già dal 1889 e serviva  ad identificare gli spagnoli in modo efficiente ed affidabile.

L’l’ordine dei cognomi doveva essere prima il cognome paterno e poi quello materno.  Tuttavia,  attualmente , in Spagna, si può scegliere l’ordine dei cognomi , quindi il primo può essere quello del padre o della madre.
Ma per i figli dei figli con il doppio cognome come si potrebbe procedere? Quale cognome prevarrà, quello della madre o del padre. Sarà il Parlamento italiano a dirimere la questione con una norma ad hoc com’è per esempio per le famiglie di origine ispanica dove prevale il primo cognome scritto che sia esso del padre o della madre.

In Portogallo il codice civile consente l’uso di entrambi i cognomi, anche se di solito sono scritti in ordine inverso, prima quello della madre e poi quello del padre.

In Francia  esiste un movimento (Porte mon nom) affinché i neonati ricevano entrambi i cognomi in modo automatico. Anche in Svezia  vi è la possibilità del doppio cognome. Inoltre, in mancanza del consenso dei genitori, prevale in via esclusiva quella della madre.

E nel resto del mondo?  Ci sono altri paesi che non hanno ancora stabilito questo sistema e potrebbero non farlo mai.  Ad esempio, Germania , Regno Unito   e   Turchia,  i coniugi adottano il  cognome dell’uomo per i propri figli.  Qualcosa di simile accade in   Giappone  o  in   Cina, così come negli   Stati Uniti, dove le donne non perdono il loro cognome da nubile e possono scegliere se trasformarlo nel loro secondo nome.
In Russia, e in altri paesi come la Bulgaria, il cognome si forma aggiungendo un suffisso al nome del padre, che varia a seconda del sesso del figlio o della figlia.

Avviso Sentenza corte costituzione

Francesco Cappello Solombrino

Lasciaci un commento