Aggiornamento: Ricatto su Facebook cosa fare e cosa non fare

Ricatto su facebook cosa fare e cosa non fare. Non cedere al ricatto. Se pagate la prima volta significa che siete disposti a pagare per sempre.

Quante richieste di amicizia riceviamo sui nostri profili su Facebook? Quante di queste persone che ci chiedono l’amicizia conosciamo effettivamente, siate onesti. chat eroticaCapita che alcune di queste richieste di amicizia provengano da belle ragazze che hanno nel proprio profilo foto con abiti succinti. Alzi la mano chi non è mai andato a guardare le foto di un’amicizia appena accettata? Alcune volte capita che queste ragazze poi inviino dei messaggi privati ai nuovi amici e che la conversazione si sposti su messanger (prima skype).

L’obiettivo di questi falsi profili femminili è attirare la vittima in una chat erotica.  E’ raro non possedere una webcam e la tentazione di vedersi è forte. Generalmente chi ha Skype ha anche una webcam collegata. Ed è ciò che è avvenuto, a quanto ne sappiamo noi, negli ultimi mesi per ben tre volte tra Borgagne e Melendugno.

Questo articolo è scritto con l’intenzione di mettervi in guardia, come nel 2015 così ora nel 2022. Cari colleghi maschietti, attenzione, è in atto da tempo un tentativo di estorsione ai nostri danni. Come dicevo prima ci sono delle belle ragazze che chiedono l’amicizia su Facebook, poi dopo i primi like e cuoricini la conversazione si sposta su messanger (Skype) con la promessa di una chat privata e con la visione di qualcosa di emozionante e poi mentre noi ci spogliamo loro registrano tutto e ci minacciano per estorcerci del denaro.  Le minacce in quel momento si fanno reali e concrete. Non passa giorno che qualcuno non ci contatti perchè caduto nella trappola. Il nostro consiglio è NON CEDERE AL RICATTO.

Il video che è stato prima registrato non sarà messo online ma se cedete al ricatto e pagate significa solo che non volete che quel video finisca ai vostri familiari, amici e parenti. E se pagate significa solo che siete RICATTABILI.

Quindi  il nostro consiglio è non pagare, non cedere e cadere nel tranello. Anche se si decide di pagare una sola volta il nostro carnefice pretenderà un secondo e poi un terzo e così via. Questa estorsione mira proprio a raccogliere denaro, soprattutto il nostro. Una volta appurato di essere vittime di questo raggiro il mio consiglio è salvare tutto per presentare denuncia alle autorità e nel frattempo chiudere, temporaneamente, Facebook, cambiare la password e disconnettere tutti i dispositivi collegati. Inoltre segnalare i ricattatori a Facebook e vedrete che dopo qualche ora nessuno più ci contatterà perché questi squali cercano quelle persone che per un momento di debolezza possono cedere al ricatto e rovinarsi la vita per sempre.

Francesco Cappello

 

Lasciaci un commento