Pare che il TAP abbia qualche problema in Grecia. Ma in Albania è visto come un’opportunità

    Abbiamo fatto qualche ricerca per capire se solo i salentini sono i pazzi che non vogliono la grande opportunità del gasdotto TAP. Abbiamo spulciato giornali greci e albanesi e queste sono le conclusioni.

    Non passa giorno che il gasdotto non sia protagonista sulle pagine dei giornali locali. Anche Massimo D’Alema ha pensato bene di inzupparci il baffetto per raccattare qualche voto in più per le prossime elezioni politiche del 4 marzo 2018. Passare come ambientalista potrebbe tornargli utile. Eppure non è tutto oro ciò che luccica. Il gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) in Albania è visto come una grande opportunità, soprattutto perché pomperà nelle povere casse statali albanesi ben 5.3 milioni di dollari. Durante i lavori di posa del tubo è stata scoperto un importante sito archeologico che hanno costretto il consorzio svizzero a modificare il percorso del gasdotto per non compromettere i reperti e la riscoperta dell’antica via Egnatia. Stiamo parlando dell’autostrada nazionale E852 che corre parallela al fiume Shkumbin nella parte centrale dell’Albania e che sfocia nel mare Adriatico di fronte alle coste italiane. È stato anche stipulato un accordo con l’università di Tirana che gestirà l’impatto sul patrimonio culturale dell’Albania, il monitoraggio delle costruzioni, lo scavo, la conservazione, lo sviluppo di piani di gestione, l’analisi scientifica, e persino pubblicazioni scientifiche con i soldi del consorzio svizzero. Addirittura è stata promulgata la prima legge albanese per la tutela del patrimonio culturale.

    In Grecia invece nel comune di Kavala, in Macedonia orientale, è tutta un’altra storia. I cittadini non vogliono il gasdotto, vorrebbero che fosse deviato il percorso e per riuscirci hanno creato un “Comitato direttivo di cittadini per cambiare il percorso del gasdotto” e come i nostri comitati e movimenti danno del filo da torcere, come possono, alla multinazionale del gas. Uno dei componenti del comitato ha dichiarato in una conferenza stampa: «Ad un certo punto, devono capire che viviamo in un paese che dà la libertà di esprimere tutte le opinioni. Se uno ha una visione non significa che gli altri non possono avere una visione contraria. Non siamo in Azerbaigian. Non diciamo che il gasdotto passa ma diciamo che le leggi devono essere rispettate».

    Paese che vai gente che trovi.

    Francesco Cappello

    fonti:

    http://www.kavala-portal.gr/news/anaptiksi/item/11201-etep-ston-pago-i-xrimatodotisi-tou-tap-syntonistiki-epitropi-kamia-diavoylefsi-kamia-peistiki-apantisi

    https://www.archaeology.org/issues/284-1801/letter-from/6161-albania-pipeline-excavations

    http://www.kavala-portal.gr/protaseis/itemlist/tag/TAP?start=30


    'Pare che il TAP abbia qualche problema in Grecia. Ma in Albania è visto come un’opportunità' nessun commento

    Commenta per primo!

    Rispondi

    Melendugno.net 2003-2017 - Tutti i diritti sono riservati; Editore: Zoraide Editore – partita Iva 04559060753; Melendugno.net fa parte del network Ilportaledelsalento.net; Iscritto al n. 25 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 5 dicembre 2013; Direttore Responsabile: Francesco Cappello Redazione: Via Foscolo, 12 – Borgagne di Melendugno (LE) info@melendugno.net

    Web agency

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

    Questo sito utilizza cookie (tecnici e analitici) per le proprie funzionalità e per poter offrire una migliore esperienza di navigazione agli utenti. Inoltre questo sito contiene componenti di terze parti che utilizzano cookie di profilazione a scopi pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Per maggiori informazioni si può consultare la nostra informativa estesa cliccando su INFORMATIVA PRIVACY. Per abilitare/disabilitare le varie tipologie di cookie del nostro sito, clicca su "Cookie Policy"; per avere immediatamente accesso al sito accettando quindi i cookie, clicca su "Ok ho capito e accetto". Proseguendo la navigazione sul sito o chiudendo questo banner, acconsenti a tutti gli effetti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi